Artikeldatenblatt : 382235
Dino Decca (Pralboino 1935 – Brescia 2005) Ritratto di giovane, 1976
Epoche: Siebzigerjahre
Maße H x B x T  

Dino Decca (Pralboino 1935 – Brescia 2005)


 

Ritratto di giovane, 1976

Pastello su carta fissato su tavola

Dimensioni: cm 45x35

in cornice 73x62

Tema caro all’artista sono i ritratti di giovani donne; in questo caso la modella è rappresentata in un momento di riflessione, mentre guarda verso il basso con i capelli scompigliati, presentandosi in tutta la sua giovanile bellezza


 

Dino Decca

Nasce nel 1935.

Il suo amore per la pittura nasce all’età di 14 anni, quando il giovane frequentava le scuole industriali.

Passa la sua adolescenza con la famiglia a Flero in provincia di Brescia dove la stessa si trasferisce nel primo dopoguerra.

La sua passione per la vita era pari unicamente a quella per l'arte, sarà lui stesso a dire, in un'intervista in cui gli si chiedeva quale posto avesse l'arte "Il primo.

Non esiste niente al di fuori dell’arte.

Se uno si dedica con passione ad essa, è l’unico credo".

La sua produzione è contraddistinta da opere che ritraggono donne, i vecchie e la loro solitudine, i cani amici fedeli, i paesaggi delle sue giornate al mare in Abruzzo, la natura morta che dipingeva osservando i frutti dalla natura.

L’esperienza parigina fu per il pittore una tappa fondamentale della sua professione. Una carriera che inizia precocemente con alcuni maestri fondamentali come Emilio Pasini, Domenico Lucchetti e il cremonese Emilio Rizzi, prosegue con gli studi all’Istituto superiore d’arte Paolo Tosci di Parma, si affina dal 1959 con l’attività di insegnamento alle scuole medie statali e sfocia tra gli anni Sessanta e Settanta con le mostre, i riconoscimenti, i corsi per l’AAB e la scuola di Flero che il pittore aprì nel 1985 e dove tuttora si porta avanti la sua eredità.

Ma i suoi cicli artistici più importanti furono indubbiamente quelli francesi aperti a Parigi nella prestigiosa Galleria Bernheim-Jeune, nel cuore della capitale, in Faobourg Saint Honorè nella primavera del 1972, fino a permettergli di aprire uno studio nel quartiere "La Defense".

Decca è applaudito a Parigi e la sua bravura suscita l’interesse di grandi personaggi che cominciano a commissionargli ritratti e a intrattenere relazioni di amicizia e di stima reciproca. Parliamo dei principi d’Orleans, dell’attrice Michele Morgan, del famoso parrucchiere Alexander e molti altri ancora.

Muore nel 2005

Antichita' Santa Giulia 
Via Musei 50/C 
25121 Brescia BS (Brescia)  Italia